News
Guida alla detrazione del 65% per la riqualificazione energetica
Guida alla detrazione del 65% per la riqualificazione energetica
venerdì 4 aprile 2014

Una delle principali novità contenute nella legge di Stabilità 2014 riguarda la proroga fino al 31 dicembre delle detrazioni Irpef per gli interventi di riqualificazione energetica. Si tratta certamente di un giusto riconoscimento per una tecnologia che utilizza energia rinnovabile in quanto a giovarne, oltre alle tasche di chi ne usufruisce, è anche il nostro pianeta. Ma capiamo nel dettaglio cosa prevede la legge.

Sulle spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014, per gli interventi di riqualificazione energetica di edifici già esistenti, spetta una detrazione del 65%. Percentuale che passerà al 50%, per i pagamenti effettuati dal 1º gennaio 2015 al 31 dicembre 2015. 

La detrazione spetta per le spese sostenute, e rimaste a carico del contribuente per:
 

  • interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti, che ottengono un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20% rispetto ai valori riportati in un’apposita tabella (i parametri cui far riferimento sono quelli definiti con decreto del ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008, così come modificato dal decreto 26 gennaio 2010). Il valore massimo della detrazione è pari a 100.000 euro
  • interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro. La condizione per fruire dell’agevolazione è che siano rispettati i requisiti di trasmittanza termica U, espressa in W/m2K, in un’apposita tabella (i valori di trasmittanza, validi dal 2008, sono stati definiti con il decreto del ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008, così come modificato dal decreto 26 gennaio 2010). In questo gruppo rientra anche la sostituzione dei portoni d’ingresso, a condizione che si tratti di serramenti che delimitano l’involucro riscaldato dell’edificio verso l’esterno o verso locali non riscaldati e risultino rispettati gli indici di trasmittanza termica richiesti per la sostituzione delle finestre
  • l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università. Il valore massimo della detrazione è di 60.000 euro
  • interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione. La detrazione spetta fino a un valore massimo di 30.000 euro
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 euro
  • interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 euro

Coupon e buoni sconto in cambio di rifiuti: con Garby ‘più ricicli e più guadagni’
Ricevere buoni sconto e coupon in cambio di comunissimi rifiuti? Si può. Il progetto Garby porta anche in Italia una realtà già attivata con successo in diversi Paesi stranieri.

La ...
Impianti elettrici a norma: i requisiti e la dichiarazione di conformità
Dotare gli edifici abitativi di impianti elettrici a norma è fondamentale non solo per evitare di incappare in sanzioni pecuniarie molto salate, ma anche e soprattutto per non correre rischi ...