News
Messa a terra dell'impianto elettrico: come funziona e a cosa serve
Messa a terra dell'impianto elettrico: come funziona e a cosa serve
venerdì 29 maggio 2015
La messa a terra di un impianto elettrico si presenta come il principale sistema di protezione contro situazioni pericolose di contatti e corto circuiti, unitamente ai meccanismi di interruzione automatica di corrente, quale è il salvavita.

La funzione principale della messa a terra consiste nel far convergere direttamente a terra le parti metalliche di apparati elettrici, facendo quindi disperdere nel terreno eventuali correnti elettriche. In questo modo si evita che dei guasti o dei contatti possano ripercuotersi sulle persone presenti nell’abitazione, con conseguenze devastanti.

La messa a terra è pertanto finalizzata a impedire folgorazioni accidentali e la sua presenza all’interno di un appartamento è di fondamentale importanza.

L’impianto è formato da una serie di cavi elettrici, di colore giallo e verde, collegati ad ogni presa elettrica e convergenti in un dispersore; questo dispersore, in realtà, altro non è se non un paletto metallico (di rame o acciaio zincato) inserito molto in profondità nel terreno.

In una presa di corrente, l’alveolo centrale è quello connesso alla messa a terra, e di conseguenza è lo spinotto centrale della spina elettrica ad agganciarvisi. Tenete sempre presente che ogni elettrodomestico presente in casa va obbligatoriamente collegato all’impianto.

Come già detto, ogni abitazione deve necessariamente essere provvista di messa a terra, il cui corretto funzionamento deve a sua volta essere verificato. In particolare, l’efficienza dell’impianto va accertata tramite l’utilizzo di un apposito strumento, definito "misuratore di resistenza a terra”, ad opera di un professionista specializzato.

Se avete bisogno di effettuare degli interventi sull’impianto elettrico della vostra casa e non sapete a chi rivolgervi, chiamate Numero Utile! Basta compilare il modulo online oppure telefonare al numero verde 800 900 819: la vostra richiesta sarà gestita immediatamente e affidata alla migliore azienda a disposizione nella vostra zona, che vi ricontatterà entro le 24 ore successive.

Bonus mobili 2015, ecobonus e ristrutturazioni: il bonifico errato non blocca le detrazioni
Con la Legge di Stabilità (Legge n. 190/2014) sono stati prorogati i termini per poter usufruire del Bonus mobili 2015, ecobonus e bonus ristrutturazioni 2015. Sarà infatti possibile avvalersi delle agevolazioni fino ...
Direttiva ErP Ecodesign: dal 26 settembre 2015 cambia la normativa sui consumi
Entra in vigore il 26 settembre 2015 la nuova normativa che disciplina i consumi, come recepimento della direttiva Erp Ecodesign adottata nel 2009. La direttiva in questione è stata emanata ...